OTTO NEURATH.

(Vienna 1882-Oxford 1945).
Opere principali: Sociologia empirica, Proposizioni protocollari, L'uomo in formazione, Fisicalismo.
Neurath, sociologo simpatizzante marxista, fu tra i fondatori del Circolo di Vienna ed, insieme a Carnap e Hahn partecipo' alla stesura del Manifesto del Circolo stesso.


Secondo Neurath le asserzioni osservative non hanno a che fare con con dati sensoriali ma con oggetti fisici. Da ci nasce il termine di Fisicalismo. Neurath assume, come forma generale delle proposizioni del liguaggio, il "linguaggio della fisica".
Un enunciato vero quando si pu tradurre in una proposizione la quale affermi che un certo avvenimento si prodotto in un dato luogo e in un dato tempo.
Il fisicalismo intollerante nei confronti di ogni traccia di metafisica. Qualunque termine che non si riferisca a fenomeni fisici ben precisi "non ha senso".
Ogni enunciato scientifico logico o fisico, equivalente ad un enunciato che asserisce che in quel momento e in quel luogo tale avvenimento si prodotto. Neurath precisa che un enunciato protocollare deve contenere il nome dell'osservatore, infatti ci dice: "perche' una proposizione protocollare sia completa e' fondamentale che vi appaia un nome proprio di persona. Enunciati incompleti come: "[...] adesso sul tavolo vi un dado rosso ", sono mancanti di un soggetto che osserva."(1932).
Secondo Neurath inoltre, gli enunciati protocollari sono soggetti a correzione ed eliminazione.
Infatti: "se la scienza unificata si preoccupa della costruzione di sistemi privi di contraddizioni, quando ci si presenta una nuova proposizione ne controlliamo la rispondenza al sistema adottato e, se "vera", la accettiamo altrimenti la eliminiamo.
Non si tratta di confrontare un enunciato con la "realta'" per provare che vero, ma di confrontare un enunciato con un sistema di altri enunciati. In conclusione secondo Neurath la verifica di una affermazione pu essere compiuta solo in termini linguistici.

Autore:
Gianpaolo DELUCCHI